Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla Newsletter



Login

Load sheet

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Chiamato in italiano piano di carico, è un documento ufficiale che certifica la rispondenza del carico dell'aereo ai limiti e alle regole imposti.

Così come un aereo troppo pesante rischierebbe di non farcela a levarsi in volo, l'errata distribuzione del carico potrebbe causare squilibri tali da compromettere le capacità di manovra.

Una volta il load sheet veniva compilato a mano, a partire da alcuni dati fissi come il peso a vuoto della macchina (BOW - Basic Operating Weight) e la posizione del centro di gravità.

Questi dati sono di vitale importanza perché servono come base per il calcolo che permette di verificare che, una volta effettuato il rifornimento, il carico della merce e l'imbarco dei passeggeri, il peso massimo ammesso al decollo non venga superato e il baricentro dell'aereo cada entro i limiti che consentiranno ai piloti di poterlo manovrare in sicurezza. Inoltre, la posizione del centro di gravità serve a stabilire l'esatta regolazione di un servocomando, definito trim, che minimizza gli sforzi sulla cloche durante il decollo.

Al giorno d'oggi il piano di carico viene calcolato da un computer, ma la vecchia "maschera" che serviva a farlo manualmente è sempre presente a bordo, sia per consentire un controllo in casi dubbi, sia per sopperire ad eventuali "cadute" del sistema informatico.

La responsabiltà ultima dell'accertamento sulla correttezza dei dati riportati nel load sheet è sempre del comandante del volo, che lo firma per accettazione un attimo prima di chiudere le porte dell'aereo, in modo di tenere nel debito conto anche eventuali variazioni dell'ultimo minuto.

(26 novembre 2009)

RSS
RSS