Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla Newsletter



Login

Limit

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Per chi avesse voglia di leggere un tomo da quasi 1400 pagine, consiglio l'ultimo libro di Frank Schätzing: "Limit". A prima vista un mattone alto quasi quindici centimetri può incutere spavento. In realtà, è un libro che ho divorato in una settimana circa.

limitL'autore lo conoscevo per via di un altro libro, di tipo divulgativo ("Un mondo d'acqua"), che parla del mare. Rimasi stupito dalla capacità narrativa, dalla sintesi divulgativa in grado di rendere accessibili concetti anche difficili su una materia di cui quasi tutti sono a digiuno. Personalmente, ho scoperto che non conosceva quasi nulla di quella parte che occupa più del 70% della superficie terrestre.

In questo romanzo "Limit" Frank Schätzing si supera, perché riesce a coniugare un thriller con considerazioni di ordine geo-politico. La trama si svolge nel 2025 e parla dei viaggi spaziali. Anzi, ad essere precisi, del turismo spaziale, che già oggi rappresenta la nuova frontiera dei viaggi.

L'ambientazione si svolge su due scenari che man mano si avvicinano: da una parte, un detective che vive in Cina, il quale scopre casualmente un messaggio cifrato, mentre dall'altra un gruppo di ricconi che accetta di trascorrere un periodo in un lussuosissimo albergo appena inaugurato sulla Luna da un imprenditore visionario, che ricorda molto Sir Richard Branson (il proprietario della compagnia Virgin e di qualche altro milione di attività economiche).

Il ritmo incalzante tiene il lettore incollato al libro, con colpi di scena che si susseguono incessantemente. A volte, sembra la sceneggiatura bell'e pronta di un film americano d'azione. A volte, ho trovato delle scene un po' esagerate, ma in linea con quello che si vede in una qualsiasi produzione hollywoodiana.

Di positivo, il libro descrive perfettamente il tipo di accelerazioni che si hanno nello spazio, oltre a molte altre illuminanti situazioni che illustrano la fisica lunare, con le sue temperature estreme, l'accelerazione di gravità, il paesaggio onirico dei crateri, i mari, e tutto il corollario di concetti che sono letteralmente di un altro mondo (anzi, satellite).

Al di là della storia in sé, sullo sfondo vi sono considerazioni interessanti sull'approvvigionamento delle fonti energetiche, lo scontro USA-Cina, le innovazioni tecnologiche e molto altro, che non lo rendono un libro di fantascienza, ma per così dire futuristico. Più che uno sguardo sul futuro, sembra uno sguardo sul nostro presente visto dal futuro.

Giusto per la cronaca, questo autore ha scritto un altro libro, per il quale è diventato famoso (vendendo milioni di libri in Europa), che parla di un probabile scenario conseguente ad uno tsunami. La considerazione di partenza parte dall'assunto che gli tsunami si verificano continuamente nel mare, ma spesso lontano da centri abitati. In Asia, il livello di antropizzazione è elevatissimo, ma l'unico libro che ha preso in considerazione i potenziali danni di uno tsunami è "Il quinto giorno".

Se anche stavolta gli scenari prospettati in "Limit" si avvereranno, possiamo anche ascrivere Schätzing alla poco considerata stirpe di profeti.

 

Scheda bibliografica

Titolo: Limit
Autore: Frank Schätzing
Editore: Nord, 2010
Genere: Narrativa

(20 febbraio 2011)

RSS
RSS